MediaCP Manual
Creazione di un servizio multimediale

Last updated 2 mesi fa

Un amministratore può creare Servizi multimediali dal Pannello di controllo multimediale da varie posizioni:

  • C’è un pulsante sulla dashboard degli amministratori etichettato “Aggiungi servizio”;
  • Nella pagina di elenco di Servizi multimediali è presente un pulsante “Crea un nuovo server”;
  • C’è un pulsante “Crea servizio” nella pagina Panoramica del cliente

L’interfaccia di creazione è diversa dalla normale schermata di configurazione del servizio multimediale e presenta una guida “Procedura guidata rapida” con le opzioni di base critiche per un nuovo servizio.

Seleziona Cliente

Il primo passo è selezionare il cliente per il quale si desidera creare il servizio. L’elenco è presentato in ordine alfabetico crescente (a-z) e identifica se un Cliente è un Cliente, un Rivenditore o un Amministratore.

Se hai difficoltà a trovare il Cliente, ti consigliamo di aggiungere un Servizio dalla Panoramica clienti . Puoi trovare il Cliente dall’Elenco Clienti, quindi fare clic sul pulsante “Aggiungi servizio” dalla Panoramica clienti.

Tipo di servizio multimediale

MediaCP supporta una varietà di diversi motori di streaming per i servizi di streaming audio e video. Puoi visualizzare un confronto completo sulla nostra pagina Server di streaming .

La casella di controllo “Usa il supporto selezionato come predefinito in futuro” consente di salvare la selezione per assicurarsi che sia selezionata per impostazione predefinita quando si crea il servizio multimediale successivo.

Configurazioni del servizio audio

Configurazione generale

  • Nome pubblicazione : specificare il nome per questo servizio. Il nome viene utilizzato principalmente per scopi di visualizzazione. Uno slug compatibile con l’URL viene creato automaticamente dal nome di pubblicazione e viene utilizzato pubblicamente e internamente su vari componenti come la pagina della stazione, il lettore HTML e i widget. Lo slug URL friendly convertirà il nome in minuscolo e sostituirà spazi e caratteri speciali con un trattino.
  • Portbase – I servizi SHOUTcast e Icecast utilizzano 2 porte per operare, la base portuale specifica la prima porta da utilizzare e la seconda sarà semplicemente un incremento dalla prima porta. Ad esempio, una base portuale di 8000 utilizzerebbe sia 8000 che 8001.
    • I servizi Icecast 2 (escluso KH) utilizzeranno 3 porte di {portbase}, {portbase+10000} e {portbase+10001} perché non è ancora in grado di utilizzare una singola porta per connessioni SSL e non SSL. Ciò consente alla base di porte predefinita di funzionare come SSL e alle porte successive di funzionare in modo non sicuro per le emittenti senza funzionalità SSL.
  • Password amministratore – Definisce la password per accedere alle funzioni amministrative del servizio Icecast o Shoutcast. Inoltre, dopo la creazione del servizio verrà generata automaticamente una password di flusso che può essere utilizzata specificamente per la connessione dell’emittente.
  • # Mountpoints – Spesso utilizzato per trasmettere in diversi formati / qualità, può essere configurato come un fallback o anche la trasmissione di diversi flussi / canali sullo stesso servizio.
  • # Sorgenti AutoDJ – AutoDJ per impostazione predefinita opera sul punto di montaggio predefinito e può essere configurato su punti di montaggio aggiuntivi per fornire diverse qualità e formati. Ogni sorgente AutoDJ consuma risorse aggiuntive di CPU e MEMORIA, pertanto si consiglia un limite.
  • Bitrate – Bitrate più elevati consumano larghezza di banda più velocemente. Quando si utilizza AutoDJ, bitrate più elevati possono consumare solo una quantità leggermente maggiore di risorse della CPU con Servizi audio.
  • Max Connections – Specifica il numero di connessioni che il servizio può utilizzare.
    • Il cursore arriva fino a 999 al massimo, tuttavia è possibile digitare un numero personalizzato nel campo.
  • Archiviazione : specifica la quantità totale di spazio di archiviazione su disco che il Servizio multimediale è autorizzato a utilizzare.
    • Il cursore raggiunge al massimo fino a 50 GB, tuttavia è possibile digitare un numero personalizzato nel campo.
    • Lo spazio di archiviazione è condiviso tra altri Servizi audio con lo stesso account cliente, pertanto se il Cliente dispone di 2 servizi multimediali con 10 GB di spazio di archiviazione, ogni servizio mostrerà un limite totale di 20 GB (combinato)
  • Trasferimento dati (MB): la quantità totale di larghezza di banda o trasferimento dati che il servizio multimediale può utilizzare ogni mese.
    • Il cursore raggiunge al massimo fino a 500 GB, tuttavia è possibile digitare un numero personalizzato nel campo.
    • Un nuovo mese inizia il 1 ° giorno di ogni mese.
  • Servizio AutoDJ – Per impostazione predefinita ogni servizio audio viene fornito con un servizio AutoDJ utilizzando Liquidsoap.
    • AutoDJ è un servizio progettato per trasmettere automaticamente i file multimediali caricati in playlist e programmi definiti dall’utente.
    • AutoDJ migliora il servizio audio con funzionalità come accessi dj individuali, cronologia tracce,
    • I servizi AutoDJ consumano risorse CPU aggiuntive ed è necessario consultare la pagina Requisiti di sistema per esempi di utilizzo/caricamento.

Relè e attacco IP

Servizi audio può essere configurato per ritrasmettere un altro servizio. I servizi Icecast possono trasmettere sia da Shoutcast che da Icecast mentre i servizi Shoutcast possono trasmettere solo altri servizi Shoutcast.

Relè Icecast

  • Tipo di relè – Il relè Master-Slave consente il relè di un intero servizio Icecast 2 o Icecast 2 KH compresi tutti i punti di montaggio. Il relè Single Broadcast consente l’inoltro da un punto di montaggio Shoutcast o Icecast a un punto di montaggio locale su questo servizio icecast.
  • URL di inoltro : specificare l’indirizzo completo del server o del montaggio che verrà inoltrato. Il supporto SSL è limitato con l’inoltro dei servizi Icecast 2, pertanto è necessario specificare una porta non sicura/non ssl nell’URL. Esempi:
    • Master-Slave – Specifica l’URL di base senza punto di montaggio, ad esempio http://audio-streaming.com:8000/
    • Trasmissione singola: specifica l’URL completo del flusso, ad esempio http://audio-streaming.com:8000/stream
  • Nome utente – (solo trasmissione singola)
  • Parola d’ordine
    • Icecast / Icecast KH – Fornire la password di inoltro trovata nella configurazione del servizio di origine.
    • Shoutcast – Fornisci la password dell’amministratore del flusso di origine.
  • Montaggio locale (solo trasmissione singola)
    • Specificare anche il punto di montaggio locale per fornire la trasmissione, per impostazione predefinita questo sarebbe /stream, tuttavia è possibile configurare i punti di montaggio muiltiple e consegnare localmente a un URL del punto di montaggio di /relay che può essere utilizzato come fallback quando non vi è alcuna trasmissione live al montaggio /stream.
    • Il relè Master-Slave copia tutti i punti di montaggio dall’origine a questo servizio e questo campo non viene visualizzato.

Relè Shoutcast

  • Relè dal server SHOUTcast 2
  • Relay from Port – Deprecato – non utilizzare questo campo, verrà rimosso nelle versioni future.
  • Consenti inoltro ad altri servizi – Definisce se questo server Shoutcast può essere utilizzato per l’inoltro da. Questo deve essere abilitato se si desidera inoltrare da questo server a un altro.
  • Associa indirizzo IP – Consente a un amministratore di associare questo server a un indirizzo IP specifico. L’impostazione predefinita di ANY si associa a tutti gli indirizzi IP sul server. Si consiglia di lasciare il valore predefinito.

Configurazioni del servizio video

Configurazione generale

  • Nome pubblicazione : specificare il nome per questo servizio. Il nome viene utilizzato principalmente per scopi di visualizzazione. Uno slug compatibile con l’URL viene creato automaticamente dal nome di pubblicazione e viene utilizzato pubblicamente e internamente su vari componenti come la pagina della stazione, il lettore HTML e i widget. Lo slug URL friendly convertirà il nome in minuscolo e sostituirà spazi e caratteri speciali con un trattino.
  • Tipo di servizio
    • Live Streaming – Disponibile per tutti i motori di streaming
    • Ondemand Streaming (solo Flussonic & Wowza)
    • TV Station (solo Flussonic & Wowza) – Trasmette video in una trasmissione lineare in diretta 24×7 con passaggio tra encoder live.
    • Relè
    • Live Streaming Low Latency (solo Wowza) – Questa opzione è ora deprecata e l’opzione Low Latency è ora disponibile nella configurazione del servizio.
    • Relè Shoutcast/Icecast
  • URL di inoltro – Inoltro da una trasmissione in diretta esistente.
    • RTSP Broadcast – Supportato da qualsiasi motore di streaming.
    • RTMP Broadcast – Supportato solo da Flussonic e NginxRtmp. Wowza Streaming Engine può essere ritrasmesso solo da altri URL WOWZA RTMP.
    • HLS Broadcast (m3u8) – Tutti i motori di streaming
    • SHOUTcast & Icecast – Tutti i motori di streaming
  • Live Streaming & FTP Password – Definisce la password per trasmettere al servizio e/o la password di connessione per i servizi FTP.
  • Bitrate – Bitrate più elevati consumano larghezza di banda più velocemente.
  • Spettatori : specifica il numero di spettatori che possono accedere contemporaneamente allo streaming.
    • Il cursore raggiunge fino a 10,00 al massimo, tuttavia è possibile digitare un numero personalizzato nel campo.
  • Archiviazione : specifica la quantità totale di spazio di archiviazione su disco che il Servizio multimediale è autorizzato a utilizzare.
    • Il cursore raggiunge al massimo fino a 50 GB, tuttavia è possibile digitare un numero personalizzato nel campo.
    • Lo spazio di archiviazione NON è condiviso tra altri Servizi video con lo stesso account cliente.
  • Trasferimento dati (MB): la quantità totale di larghezza di banda o trasferimento dati che il servizio multimediale può utilizzare ogni mese.
    • Il cursore raggiunge al massimo fino a 500 GB, tuttavia è possibile digitare un numero personalizzato nel campo.
    • Un nuovo mese inizia il 1 ° giorno di ogni mese.

Caratteristiche

  • Tipi di riproduzione (Wowza): abilita lo streaming su endpoint specifici selezionando uno o più dei seguenti tipi di riproduzione. Apple HLS è richiesto almeno dal lettore video. Adobe HDS e Microsoft Streaming sono ora deprecati.
  • Profili transcodificatore – Transcodifica automaticamente la trasmissione in diversi formati di output più comunemente utilizzati per fornire una trasmissione ABR (Adaptive Bitrate). La transcodifica consuma molte risorse della CPU e dovresti rivedere i benchmark del transcodificatore.
    • Source / Passthru – Aggiunge la trasmissione originale all’uscita HLS per ABR. Utilizzato per ridurre la CPU quando si forniscono più formati in una configurazione come (esempio) 240p, 480p e Passthru dove Passthru è la trasmissione originale a 720p. L’output passthru non è transcodificato e non visualizza le sovrapposizioni del logo sul flusso.
    • Solo audio (Wowza) – Fornisce un’uscita HLS del flusso solo audio.
  • Obiettivi di streaming – I target di streaming consentono ai clienti di inviare la trasmissione a più destinazioni come Facebook e Youtube. Selezionare le caselle per consentire al Cliente di configurarle come destinazione.
  • GeoIP Country Locking – Consente al Cliente di abilitare il Country Locking, se lo si desidera
  • DVR / nDVR / Rewind Feature – (Flussonic & Wowza) – Consente al cliente di abilitare le funzionalità nDVR o rewind. Gli spettatori possono riavvolgere una trasmissione in diretta con flussi abilitati DVR. In questo modo viene utilizzato spazio su disco aggiuntivo che non viene conteggiato ai fini dell’allocazione di archiviazione.
  • HLS Low Latency (Wowza) – Regola HLS Playlist Chunk e le durate per ridurre la latenza tra il video riprodotto dal codificatore e ciò che lo spettatore vede. Una latenza inferiore può causare problemi nel flusso se non è abbastanza stabile, quindi si consiglia di passare da un profilo all’altro.
  • Registrazione (Wowza)
    • Servizio : specificare un altro servizio per salvare le registrazioni.
    • Avvio automatico – La registrazione dal vivo deve essere avviata automaticamente all’inizio della trasmissione o avviata manualmente dal Cliente.
  • Autenticazione
    • Live Authentication – Richiedi una password per la pubblicazione. Se disabilitato, non sarà richiesta una password per la trasmissione.
    • Blocca flusso in entrata : limita la trasmissione a un elenco di indirizzi IP. Spesso utilizzato quando Live Authentication è disabilitato.
  • Modalità origine HTTP (CDN) (solo Wowza) – Distribuisce l’applicazione a Wowa Streaming Engine in modalità ORIGINE HTTP, pronta per la connettività con una rete CDN.

Table of Contents