Scalabilità con Wowza e CloudFront CDN

Last updated 6 mesi fa

Un singolo server può gestire solo così tanti flussi e visualizzatori simultanei prima che venga sovraccaricato. È possibile ridimensionare il server per gestire una maggiore capacità implementando una rete per la distribuzione di contenuti (CDN) nel flusso di lavoro per scaricare le connessioni del visualizzatore.

MediaCP è in grado di distribuire l’applicazione Wowza Streaming Engine in modalità HTTP Origin. La modalità Wowza HTTP Origin è una modalità speciale senza sessione che utilizza i proxy di memorizzazione nella cache HTTP davanti a Wowza Streaming Engine per memorizzare nella cache il contenuto live o VOD, riducendo così il carico su Wowza Streaming Engine. Quando la modalità HTTP Origin è abilitata, i normali proxy di memorizzazione nella cache HTTP di terze parti configurati per memorizzare nella cache il contenuto video possono eseguire nuovamente il flusso del contenuto dall’applicazione Wowza Streaming Engine.

Benefici

  • Aumentare la capacità dei visualizzatori oltre i limiti di un singolo server
  • Streaming affidabile – Le CDN in genere memorizzano nella cache i contenuti ai bordi di tutto il mondo, il che significa un’acaess veloce e affidabile per la trasmissione da qualsiasi posizione nel mondo.

Limitazioni

  • Le informazioni su connessioni e statistiche non sono disponibili da MediaCP o Wowza Streaming Engine. Le informazioni potrebbero essere disponibili presso il servizio CDN. Per questo motivo è in genere più adatto a servire un singolo cliente per istanza del server.
  • Non è possibile visualizzare o limitare il numero di spettatori su un flusso abilitato per la rete CDN.

Costi

Come si fa

1. Abilitare le funzionalità CDN di MediaCP

Contatta il nostro reparto Fatturazione e supporto per abilitare il componente aggiuntivo CDN. Siete pregati di notare che potrebbero essere applicati costi aggiuntivi.

2. CDN CloudFront

Crea una distribuzione CloudFront davanti alla porta 1935 di Wowza Streaming Engine.

 

3. Configurare l’URL di MediaCP Edge

4. Abilitare la modalità DI origine HTTP (CDN) sul servizio

Table of Contents